Divisione Digitale

Servizi alla Clientela

  • Digital Specialist a disposizione Clientela
  • Dimostrazioni in studio apparecchiature primarie
  • Finanziamenti personalizzati a tasso convenzionato
  • Dispositivi muletto

Divisione Digitale Specialistica Informazioni e formazione

  • Preventiva consulenza 3D con analisi esigenze individuali e pianificazione accesso sistemi digitali.
  • Sede corsi interna con attrezzature per esercitazioni pratiche.
  • Blog Digitale per un aggiornamento costante

Radiologia extraorale 2D e 3D

La decisione di inserire nello studio un dispositivo di radiologia Extraorale, non si ferma al solo fatto di ottenere un'immagine, bensì di offrire un servizio al proprio paziente potendo controllare in prima persona qualità e dosaggio ma anche garantirsi con questi, dati dal valore medico legale.
I dispositivi dei vari produttori, benchè apparentemente simili tra loro hanno differenze fondamentali difficili da identificare e da estrapolarne quali siano le più ideali per il proprio uso; da qui la necessità di disporre di una consulenza tecnica per analizzare in forma personalizzata ogni dispositivo. Tale consulenza sarà poi fondamentale, una volta installato il nuovo dispositivo, per la formazione, l'assistenza e l'abbinamento con altri dispositivi, questo in particolare sui sistemi 3D
La gamma di queste 3 linee di prodotto soddisfano ogni possibile esigenza di Imaging e di Odontoiatria Digitale nelle sue varie funzioni.

Gamma

RAY: Dispositivi posizionatiō come assoluto TOP di Gamma per caratteristiche e funzioni , unico sistema 3D con 8 algoritmi.

RAY nata come divisione di radiologia di Samsung Electronics e resasi indipendente nel 2015 , continua come polo di sviluppo dei sistemi radiologici 3D nelle varie branchie medicali. Questa propensione alla ricerca mantiene i prodotti nettamente avanzati rispetto a quanto altro offre il mercato.
Un pur parziale elenco di unicità all'interno di un solo strumento renderà tangibile questa grande superiorità dei dispositivi RayScan Alpha e Alpha Plus:
Sensore multifocale di nuova tecnologia
8 algoritmi di acquisizione
Riconoscimento materiali diversi (ad es siliconi, guttaperca, ecc)
3 sensori, uno per ogni funzione senza necessità di spostamento
Acquisizione diretta su sensore grande a dimensionalità garantita e archivio diretto DICOM trasformabile STL per matching diretto con Impronte digitali.
FOV Libero (Alpha Plus) da 4x3 a 16x10
Sistema di centratura a fascio Visibile e variabile (Alpha Plus)
Navigazione canalare
Acquisizione impronte Silicone e modelli di Gesso
3 diversi tipologie di braccio tele: A scansione, One shot piccolo 30x25 e One shot grande33x33.
Sistema IOT di monitoraggio a distanza della corretta funzionalità del dispositivo.
Telecomando Wireless
E molto altro.
Tali funzioni si tramutano in immagini di qualità superiore in grado di rilevare e mostrare particolari diversamente non visibili o nascosti da altri elementi. Ciò porta ad una migliore diagnosi, una programmazione più precisa e la possibilità di realizzare dime o stampe 3D o matching pressochè senza tolleranze dimensionali.

2D Panoramico espandibile
2D Panoramico e Tele a scansione (26x24cm)
2D Panoramico e tele One Shot Small (30x25)
2D Panoramico e Tele One Shot (33x33cm)
3D e Panoramico (con 2 sensori separati)
3D, Panoramico e Tele a scansione (3 sensori)
3D, Panoramico e Tele One Shot Small (3 sensori )
3D, Panoramico e Tele One Shot Large (3 sensori )
3D 13x10 e Panoramico
3D 13x10, Panoramico e Tele a scansione
3D 13x10, Panoramico e Tele One Shot Small
3D 13x10, Panoramico e Tele One Shot Large
3D 16x10 e Panoramico
3D 16x10, Panoramico e Tele a scansione
3D 16x10, Panoramico e Tele One Shot Small
3D 16x10, Panoramico e Tele One Shot Large

Trident: Gamma prodotti di produzione Totalmente Italiana, offre caratteristiche primarie ad un costo competitivo e assistenza locale.

Dispositivo di robusta costruzione nazionale con componentistica italiana e sensore Giapponese.
Racchiude gli elementi base per un dispositivo sicuro e dalle prestazioni elevate.
Acquisizione diretta su sensore grande
Esame diretto 8,5 x 8,5 (no stitching e no acquisizione progressiva)
Software DICOM
Gestione realtà virtuale
Abbinabile ai diversi sistemi digitali
Tele One shot 30x25
Il service diretto in Lombardia assicura il corretto supporto sia formativo che tecnico agli utilizzatori.

X-View 2D Panoramico
X-View 2D Panoramico espandibile
X-View 2D Panoramico con tele One Shot 30x24
X-View 3D Panoramico e 3D 8,5x8,5
X-View 3D Panoramico, CephOne Shot e 3d 8,5x8,5

Strumenti Flusso Digitale: Scanner intraorali

L'altro strumento primario per l'accesso all'ormai insediata odontoiatria digitale è sicuramente lo Scanner Intraorale.
Questa recente tecnologia inizialmente controversa per i limiti dimensionali nella capacità di corretta acquisizione, offre ora risposte certe nella qualità delle acquisizioni anche di arcate complete.
Le case primarie offrono quindi ora una tecnologia affidabile.
Le differenze consta nella disponibilità di funzioni tali da a prevenire possibili errori; di particolare rilevanza in tale direzione è la distanza focale che laddove il dispositivo possa lavorare a contatto con la superficie dentale, facilita la costante messa a fuoco e riconoscimento di aree già acquisite con minori elaborazioni dimensionali.
Lo scanner intraorale sta trovando anche più applicazioni in odontotecnica in sostituzione o integrazione dello scanner da banco per via della trasportabilità e nella gestione di rilevazione di particolari delle impronte; offre anche il vantaggio, qualora lo scanner sia a colori, di visualizzare la realtà orale.

Stampanti 3D

La stampante 3D risulta l'indispensabile strumento di realizzazione dei manufatti legati al mondo dell'odontoiatria digitale. Le due primarie tecnologie presenti sul mercato (DLP Digital light Processing e SLA SterioLitography Apparatus) definiscono il costo ed il risultato delle stesse. DLP funziona con un processo fotografico dove la proiezione di una immagine polimerizza la resina su quella forma SLA funziona con un raggio laser mosso dal movimento di specchi che come una penna scrive un tracciato polimerizzando la resina al suo passaggio. Il processo è quindi più lento, con minore dettaglio e con parti soggette ad usura. Gli assi X e Y quindi quelli avanti-indietro e destra-sinistra sono quelli che determinano la capacità di dettaglio della macchina. L'asse Z che è quello verticale è abitualmente standardizzato a partire da 25µ. La scelta della macchina corretta dipenderà anche in questo caso dalla valutazione delle esigenze di quantità e qualità di stampa.

Gamma

RAY

RayDent Studio: Stampante 3D da Studio con software.
Utilizza resine in comodi blister quasi monouso. La stampa è mirata principalmente a Modelli, Dime chirurgiche, Provvisori e Bite-Posizionatori. Caratterizzata da elevata velocità di stampa con tecnologia DLP. Viene fornita con un polimerizzatore per resine per completare l'indurimento dei materiali stampati.
Il software consente le operazioni di predisposizione alla stampa.
Il software accetta ogni file STL esterno per la stampa.
RayDent Studio offre un service di progettazione tramite Internet anche con il proprio odontotecnico, qualora dotato di software di modellazione.

Radiologia Intraorale: Sensori, Fosfori, Radiografici

L'utilizzo dei sistemi endorali digitali è oramai una certezza; i vantaggi sono tali e tanti che la scelta non è più se utilizzarli, ma casomai quale utilizzare.
I Sensori, oggi con la sola connessione USB diretta, offrono facile utilizzo, immagini immediate, Alta qualità delle immagini, trasportabilità e costi contenuti. Hanno il limite della connessione con un filo e dello spessore del sensore stesso che rende meno agevole il posizionamento in bocca.
I Fosfori, hanno diversi formati (fino a 5) e hanno lo spessore di una lastrina, possono isoltre servire un mumero maggiore di studi.
Le immagini sono di alta qualità ma tendenzialmente meno di un sensore, hanno tempi di visualizzazione maggiore perché richiede il tempo di andare nello scanner ad inserire la lastra, leggerla e cancellarla.

La scelta dipende quindi più da fattori di dimensione dello studio e scelte operative che non da questioni qualitative.
Da non trascurare però il fattore connessione per visualizzare le immagini in ogni studio.
Un colloquio con un consulente può verificare le esigenze digitali e rassicurare sulla migliore situazione applicabile anche considerando le possibili future applicazioni.

Sensori

RAY

RioSensor: Disponibile nei formati 1 e 2, Le immagini con risoluzione 25lp/mm e 1,5 megapixels a contrasto variabile rappresentano oggi il top ottenibile 16 bit (oltre 65.000 toni di grigio) Migliore fruibilità grazie al contenimento dimensionale del case del sensore e alla robustezza del morbido cordone. Software con interfaccia di connessione con gestionali esterni

Imagen:

Sensore Endorale: disponibile nei formati 1 e 2. Risoluzione 20 lp/mm. Cordone rinforzato Angoli smussati Cordone sostituibile Impermeabile Predisposto Twain Software in dotazione di facile installazione Centratore: disponibile centratore dedicato per sensore endorali composto da 7 pz.

Sistemi ai fosfori

Si dividono in due tipologie: Scanner di rete e Scanner USB
La versione di rete è connessa direttamente alla rete ed è comandata dai Pc negli studi. (in alcuni casi possono esserci dei sistemi di identificazione sulla lastra dello studio di provenienza)
La versione USB è invece connessa ad un PC che sarà l'unico a comandare le operazioni su quello scanner anche se poi le immagini salvate saranno visibili nei diversi studi.

RAY

RioScan: Scanner di rete con gestione in 3 diverse risoluzioni HS – HD – SHD)
21 lp/mm in risoluzione SHD
4 formati di base e 5° formato occlusale opzionale
Monitor a bordo
Memoria interna
Covers di protezione lastre da luce e manipolazione
Il software consente la ricostruzione panoramica con l'abbinamento delle lastre.
Software integrabile con gestionali esterni tramite SDK.

Imagen

Scanner USB 4 formati
Risoluzione 14,3 lp/mm
Tempo scansione, cancellazione, espulsione lastra, archivio e presentazione immagine 20”.
Covers di protezione lastre da luce e manipolazione
Sicurezza software che se non viene aperto il paziente, non cancella la lastra.

Radiografici Endorali murali

La dichiarazione delle aree di pericolo relative ai radiografici viene indicata e dichiarata dagli esperti qualificati, da qui la ragione per cui i radiografici sono divenuti fissi e non più trasportabili come con i vecchi stativi a ruote nel cui caso sarebbe il medico il responsabile di ogni emissione in posizione diversa da quella misurata.
L'installazione di un radiografico murale conseguentemente dovrà prevedere la verifica di tutte le aree irradiabili in base alla posizione cui può arrivare il braccio. Più saranno contenuti dimensioni e dosaggi emessi dal radiografico, migliore sarà il risultato.
I radiografici moderni differiscono da quelli precedenti per minore macchia focale, funzionamento in alta frequenza, Centralina digitale con migliore gestione dei tempi e presenza di tempi ridotti per sensori e fosfori.

Imagen:

Rix 70DC:
Radiografico murale Alta Frequenza 70 kV
Adattatore automatico di voltaggio
Punto focale 0.4mm La massima qualità oggi disponibile.
Sistema di riduzione radiazioni a bassa energia non utili per l'ottenimento di immagini e dannose per il paziente.
Tripla tensione del Tubo 60 – 65 – 70 kV.
Collimatore rettangolare sul tubo.
Centralina elettronica da 0.01 a 2.0 sec
Bracci disponibili 160 e 180 cm utili.

Rix 70 AC
Versione semplificata non ad alta frequenza
Punto focale 0.7mm
Tensione tubo 70 kV.
Centralina da 0.06 a 2 sec.
Bracci disponibili 160 e 180 cm utili.

Telecamere intraorali

Indubbio strumento di Marketing col paziente e insostituibile e pratico strumento di registrazione situazioni pre e post trattamenti.
I costi oramai molto contenuti e il valore delle immagini su ogni spiegazione pre o post al paziente, suggeriscono l'uso costante di questo prezioso strumento.

Gamma

Servizio riparazioni

Servizio riparazioni di tutte le marche offerto solo tramite il service delle case madri a garanzia di riparazioni nella massima qualità e garanzia. Servizio interno.